Appello al Ministro Lorenzin: guardi il nostro cuore e non il nostro utero

Non aspetto la cicogna. Solo che la Cai si riunisca

Non aspetto la cicogna. Solo che la Cai si riunisca

Gentile Ministro Lorenzin,
siamo un gruppo di aspiranti genitori adottivi e ci appelliamo a lei in questo momento di clamore mediatico per porre l’attenzione sulla nostra situazione. Se ci permette Ministro, le daremo del tu. Del tu, cara Beatrice perché è a te, e non al Ministro, che vorremmo parlare. A te che sei mamma e un figlio lo hai voluto e cercato. Anche noi, nostro figlio lo stiamo cercando. In un orfanotrofio in qualche parte del mondo starà patendo la fame e la miseria. Carenti di cibo e di affetto, i nostri figli sono sospesi.
Vorremmo poter concludere il nostro iter adottivo (fra noi c’è un tempo di attesa medio superiore ai cinque anni) e vorremmo poter accogliere i nostri figli, favorire lo sviluppo armonioso della loro personalità e dare loro un ambiente familiare dove poter crescere, in un clima di felicità, d’amore e di comprensione.
Guarda il nostro cuore Beatrice e non il nostro utero.
Il percorso delle adozioni in Italia è diventato sempre più complesso. Non aspettiamo la cicogna ma solo che la Commissione adozioni si riunisca.
A te che sei sempre in prima linea quando si parla di maternità: fai tua anche la nostra causa.
Cara Beatrice, egregio Ministro se non le rubiamo troppo tempo vorremmo avere l’opportunità di spiegarle la nostra situazione ed ottenere attraverso lei un incontro con il ministro Boschi e la Commissione Adozioni Internazionali. Perché l’adozione è maternità..

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

redazione

Lascia un commento