Il 15 novembre è il World Adoption Day

Nessun sorriso per le famiglie italiane. Solo tanta rabbia e una richiesta di aiuto al mondo.

Nessun sorriso per le famiglie italiane. Solo tanta rabbia e una richiesta di aiuto al mondo.

Il quindici novembre è il WorldAdoptionDay: una giornata per celebrare la famiglia adottiva e per sensibilizzare tutti verso l’adozione e l’accoglienza.
Attraverso il sito internet www.worldadoptionday.org si sta invitando tutto il mondo a pubblicare sui social network una foto di se stessi, o dei propri amici, con il palmo della mano con su disegnato uno smile usando l’hastag #WorldAdoptionDay.
Ambasciatori provenienti da tutto il mondo stanno organizzando eventi e feste, che coinvolgano persone provenienti da tutti i ceti sociali per celebrare il WorldAdoptionDay.
Family for children, in questo giorno, lancia una richiesta di aiuto al mondo per sensibilizzare il governo italiano sul mondo delle adozioni. Sono anni ormai che le famiglie chiedono aiuto e assistenza a una politica che sembra insensibile al tema. Per questo, purtroppo, sulla nostra mano, non vi può essere alcun sorriso.
In Italia, la politica e la burocrazia stanno uccidendo le adozioni.Nel 2010 erano stati adottati 4.130 bambini, mentre nel 2015 il numero si è dimezzato.

La Commissione Adozioni Internazionali non si riunisce da due anni e l’ultimo report relativo ai dati sulle adozioni internazionali in Italia è relativo all’anno 2013. Il numero verde, al quale le famiglie chiamavano per avere assistenza e informazioni, non esiste più e le mail inviate agli indirizzi dedicati ritornano al mittente. Per non parlare del sito istituzionale: la sezione dedicata ai costi delle procedure è inesistente, incomplete e carenti di informazioni le altre.

I continui appelli delle famiglie vengono ignorati. La notizia di un ministro importante a capo della Commissione Adozioni Internazionali aveva fatto ben sperare, ma le aspettative sono state subito deluse. E’ evidente pertanto che il Governo Italiano non ha alcun interesse verso le adozioni.
Per questo vogliamo uscire dai confini nazionali.

“Family for Children” chiede aiuto al mondo affinchè, vengano prese tutte le misure necessarie per impedire qualsiasi pratica contraria agli scopi della Convenzione de l’Aja. Chiediamo correttezza, trasparenza ed efficienza nelle adozioni. E soprattutto chiediamo che in ogni azione compiuta dal Governo Italiano venga considerato l’interesse superiore dei bambini che aspettano dall’altra parte del mondo la propria famiglia.

Nessun sorriso per le famiglie italiane. Solo tanta rabbia e una richiesta di aiuto al mondo.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

redazione

Lascia un commento